Inverno 2009-2010
 
Su
Ricerca dati
Dati analitici rilevati
Dati in tempo reale
Inverno 2002-2003
Inverno 2003-2004
Inverno 2004-2005
Inverno 2005-2006
Inverno 2006-2007
Inverno 2007-2008
Inverno 2008-2009
Inverno 2009-2010
Inverno 2010-2011
Inverno 2011-2012
Inverno 2012-2013
Inverno 2013-2014
Inverno 2014-2015
Inverno 2015-2016
Inverno 2016-2017
Inverno 2017-2018
Inverno 2018-2019
Inverno 2019-2020
Inverno 2020-2021

 

Andamento Inverno 2009-2010.

bulletOttobre - Dopo un estate calda e lunga, seconda solo a quella del 2003, il mese di Ottobre si presenta con un clima tardo estivo, nella prima decade le temperature oscillano dai 18 gradi delle minime ai 25 delle massime, poi con la seconda decade un poderoso afflusso di aria fredda (artica marittima) fa precipitare la stagione nell'inverno, per alcuni giorni le temperature sfiorano lo zero con diffuse brinate nei campi (+1.4) il giorno 16. Scarse le precipitazioni concentrate all'inizio della terza decade, solo 38 mm di pioggia.
bulletNovembre - La prima decade porta buone precipitazioni (oltre 100 mm in pianura ed anche neve in Appennino vedi sotto per la copertura nevosa) e temperature di poco sotto la norma. Con la seconda decade la brina si presenta per 2 mattine (giorni 11 e 12) seppure con temperature leggermente positive (+1.3 il giorno 11), ma poi l'anticiclone africano invade l'Italia con sole e temperature quasi estive in montagna, in pianura solo nebbie e nubi solo con la fine del mese tornano le piogge. Il mese chiude con 146 mm, e una temperatura media di +8.85, oltre 2 gradi sopra la norma, senza una minima negativa.
bulletDicembre - Il giorno 3 cadono i primi fiocchi di neve anche sulle zone pianeggianti, con accumuli a partire dai 250 mt. via via crescenti fino ai 25 cm delle zone appenniniche più elevate. Il vero freddo arriva però con la seconda decade a seguito di un impulso dalla Russia, la sequenza degli eventi prodotti resterà nei ricordi degli appassionati meteo. Il giorno 15 si scende a -4.6, il giorno 16 a -6.4 e la sera stessa inizia la prima vera nevicata dell'anno che porta 10 cm di neve di buona qualità a Piacenza e qualche cm meno spostandosi verso le colline, la temperatura durante la nevicata si attesta sui -1.6 gradi. Il giorno 18 arriva una nuova perturbazione a carattere freddo ed un'intensa nevicata accompagnata da un forte vento scaccia neve e temperature inferiori ai -3 gradi ricopre tutto il piacentino, cadono 21 cm di neve polverosa. Anche le temperature massime restano sotto lo zero , -0.9 il 18, -1.1 il 19 e ben -5.4 il giorno 20. Le minime -7.2 il 19, -9.7 il 20 e -10.6 il 21 (vedi foto). Proprio il 21 una nuova perturbazione, questa volta a carattere caldo si presenta sulla pianura padana portando altri 14 cm di neve prima di trasformarsi in leggera pioviggine con gelicidio al suolo. Il clima poi si riscalda soprattutto in quota, portando prima di Natale altra pioggia ovunque, al punto che resta più neve in pianura rispetto all'Appennino (vedi sotto).
Il mese chiude con una temperatura media di 1.5 gradi circa 1 grado sotto la norma (19 le minime negative e 5 le giornate di ghiaccio), cadono 44 cm di neve (123 cm nel 2009) e 93 mm di pioggia (1009 mm nel 2009).
bulletGennaio - Il giorno 2 un Foehn freddo spazza dalla pianura padana l'umido degli ultimi giorni di Dicembre, il giorno 3 si scende a -6.2 ed il 4 la neve ricompare sul piacentino 2 cm in pianura, 10 cm in Appennino. Il giorno successivo (5) cade altra neve, dopo una mattinata con qualche fiocco verso sera la precipitazione si intensifica e con una temperatura leggermente negativa scendono altri 4 cm. La sera del 7 un' intensa perturbazione si muove dalle Baleari verso la Liguria preceduta da un mite scirocco e seguita da aria artica dalla porta del Rodano, la precipitazione inizia sotto forma di pioggia, si trasforma in neve, per proseguire a tratti mista per tutto il giorno 8, cadono in tutto altri 8 cm di neve bagnata, ma le misure in collina e montagna sono veramente consistenti fino a 50-80 cm. La mattina del giorno 13 l'ennesima perturbazione porta un'altra breve nevicata per 1 cm di accumulo. Dal giorno 18 la nebbia e la galaverna incantano il paesaggio con 130 ore consecutive di gelo, tra questi il giorno più freddo è il 19 con -5 di minima e -2.1 di massima. Il giorno 25 una spruzzata di neve 0,5 cm, il giorno successivo si replica 1 cm. Un'altra nevicata cade la sera del giorno 29 per 1,5 cm. Il mese si chiude con l'ennesima nevicata, nella prima mattina del 31, cadono 6 cm in poco più di un'ora, la precipitazione interessa maggiormente la parte orientale della provincia, alcune misure a Piacenza 10 cm, a Pontedell'Olio 12 cm. Il mese chiude con una media di +0.2 gradi oltre 1 grado sotto la norma, 27 sono le minime negative e 5 le giornate di ghiaccio, si contano ben 8 episodi nevosi per una totale però di soli 24 cm, le precipitazioni complessive ammontano a 72 mm (alcune foto in testa alla pagina).
bulletFebbraio - Dopo la nevicata del 31/1 il mese inizia con una bella minima -7.7, seguono alcuni giorni di sole ma freddi, il giorno 5 un'altra nevicata in due fasi ricopre il piacentino (2 cm la notte e 15 il pomeriggio-sera con un'autentica bufera)...(alcune foto in centro alla pagina). La nebbia regala una giornata di ghiaccio il giorno 8, ed una leggera spruzzata di neve cade il giorno successivo, altri fiocchi scendono i giorni seguenti ma senza accumulo, il grosso dell'aria fredda prende la valle del Rodano e porta neve in Costa Azzurra, in Liguria di ponente e perfino a Roma ma non entra sulla Pianura Padana. Una intensa perturbazione porta oltre 50 mm di pioggia il giorno 19, ed altra neve in Appennino anche a quote relativamente basse, seppure con una breve parentesi di pioggia durante l'avvezione calda fino ai 1300 mt.
Il mese chiude con una media di +3.4 ( circa mezzo grado sotto la norma), +13.7 la massima del mese il giorno 25, 13 sono le minime negative con 1 giornata di ghiaccio, cadono 105 mm di pioggia e 17 cm di neve.
bulletMarzo - Nonostante una bella brinata -0.4 il primo del mese, il giorno successivo sembra iniziare la primavera con il termometro che sale a +16.2, ma non nel giro di pochi giorni si ritorna in inverno. Nei 3 giorni seguenti cadono quasi 30 mm di pioggia ed il giorno 5 un temporale nevoso interessa anche la pianura piacentina con un accumulo di 1 cm, il giorno successivo la temperatura scende fino a -5, ed il giorno 7 una nuova nevicata interessa il piacentino con accumuli fino alla parte alta della pianura quella adiacente le colline, un esempio a Pontedell'Olio 210 mt. circa 10 cm, misure superiori in Appennino (alcune foto in coda alla pagina). Ma il bello deve ancora venire, il giorno 9 una bassa pressione sulle Baleari, formatasi con l'afflusso freddo dei giorni precedenti, si muove verso la penisola italiana risalendo verso l'alto adriatico, sulla parte superiore del vortice continua ad affluire aria fredda, ne scaturisce la maggiore nevicata dell'inverno con 6 cm il giorno 9 e 21 cm il giorno 10 (vedi foto) e 3 cm il giorno 11 accompagnata da un forte vento scaccia neve e da temperature negative per gran parte della nevicata. In Appennino grandi difficoltà perché la neve ha superato il metro di altezza ed ha creato dune alte oltre 2 metri sulle strade. Seguono poi giorni sereni e via via meno freddi e il giorno 28 si superano i 20 gradi (+20.8). Il mese registra una media di +7.8 (quasi 1 grado sotto la media) 11 sono le minime negative, cadono 81 mm di pioggia e 31 cm di neve.
bulletAprile - Il mese si presenta con una brinata (-0.2) il giorno 2, il giorno 4 (domenica di Pasqua) cadono 42 mm di pioggia in pianura ed oltre mezzo metro di neve sulle cime appenniniche, che il giorno successivo si mostrano in una veste tipicamente invernale in una luminosa giornata. Le temperature risalgono nei giorni successivi fino ai +23.6 del giorno 10, ma il giorno dopo arriva nuova aria fredda che porta un po' di neve in Appennino e qualche brinata in pianura nei giorni 12, 13 e 14. Il mese chiude con una media di +13 (di poco sopra la norma), massima +26.2 ma anche 1 minima negativa, 101 i mm di pioggia.

La stagione fredda è partita in ritardo, ma ha avuto un periodo di freddo e di neve molto importante da metà Dicembre fino a poco prima di Natale, Gennaio inizialmente ha invece presentato un clima decisamente umido con altri modesti episodi nevosi, seguito da un periodo di nebbia e gelo. La temperatura resta sotto i 10 gradi dal 10 Dicembre al 19 Febbraio. Si sono registrate 71 minime negative e 116 cm di neve... una stagione molto interessante.

Copertura nevosa 2009-2010
 

11 Novembre

La prima neve in Appennino

20 Dicembre

La neve (azzurra) ricopre tutto il Nord Italia, con l'eccezione dei fondovalle alpini.

Nella parte bassa della pianura è presente anche la nebbia (bianca)

27 Dicembre

La neve caduta si è ormai sciolta su tuttto l'Appennino, ma resiste sulle basse colline ed in pianura

1 Febbraio

La nevicata "Emiliana" di fine Gennaio

7 Febbraio

Questa nevicata invece copre di più la pianura occidentale (vi sono anche un po' di nubi sul cremonese)

11 Marzo

Eccezionale nevicata sulla pianura padana a parte l'estremo nord-ovest

 

Su | Ricerca dati | Dati analitici rilevati | Dati in tempo reale | Inverno 2002-2003 | Inverno 2003-2004 | Inverno 2004-2005 | Inverno 2005-2006 | Inverno 2006-2007 | Inverno 2007-2008 | Inverno 2008-2009 | Inverno 2009-2010 | Inverno 2010-2011 | Inverno 2011-2012 | Inverno 2012-2013 | Inverno 2013-2014 | Inverno 2014-2015 | Inverno 2015-2016 | Inverno 2016-2017 | Inverno 2017-2018 | Inverno 2018-2019 | Inverno 2019-2020 | Inverno 2020-2021

Ultimo aggiornamento: 10-11-18